PSICOTERAPIA


PSICOTERAPIA 

Il termine psicoterapia deriva dal greco antico ed è composta da due parole: psiche che significa anima e terapia che significa cura; va da se che l'ambito in oggetto è proprio la cura dell'anima, dei pensieri, dell'umore e in toto della persona nelle sue relazioni e nel suo essere di individuo. Un giovane medico olandese, Frederick van Eeden, utilizzò per primo, nel 1889, la parola psicoterapia, definendola come “la guarigione del corpo mediante la mente". 

La storia della psicoterapia è molto articolata ed antica ma l'istanza psichica che più la caratterizza è la scoperta dell'inconscio, o, più precisamente, della teorizzazione dell'esistenza e dell'importanza funzionale di una struttura dello psichismo scarsamente accessibile all'autoriflessione consapevole e quindi al cognitivo nel quale sono celati ricordi, emozioni conflittuali e vissuti che creano uno status negativo dal quale l'individuo si difende con una serie di sintomi e di comportamenti che provocano un disagio importante. Questa è una delle visioni del meccanismo intrapsichico che getta le basi della psicoterapia. 

Proprio sulla capacità di accedere all'inconscio e ai conflitti che vi sono celati che si pone il nocciolo di questa pratica. Tutte le tecniche di psicoterapia hanno un unico scopo: quello di permettere alla persona di raggiungere un proprio benessere personale, emotivo, cognitivo e di comportamento che gli permetta di vivere al meglio delle sue possibilità, in armonia e serenità con gli altri e con se stesso. Tutte le persone infatti che si affacciano ad una terapia sentono un profondo disagio interiore a cui vi è spesso associata una sintomatologia invalidante che spesso viene riconosciuta come figlia di quel malessere. Il percorso con un terapeuta permette di effettuare una crescita personale costruttiva che sia duratura nel tempo e che migliori significativamente la qualità della vita di un individuo. Il come arrivare a questo scopo comprende tutte le svariate tecniche terapeutiche che nel tempo si sono sviluppate nella sfera occidentale del mondo, da quelle individuali, a quelle famigliari a quelle di gruppo. 

Dr.ssa Roberta Maieli 

L'orientamento che seguo è di tipo Dinamico, legato cioè alle tecniche di rielaborazione del profondo della sfera affettiva, emozionale e relazionale che portano ad indagare ed accedere al proprio mondo interiore e a ciò che vi crea disagio e sofferenza. 

In particolare nelle sedute di psicoterapia utilizzo sempre più spesso l' ISTDP, una tecnica dinamica breve intensiva ed esperienziale che permette già nelle prime sedute di andare a toccare nuclei conflittuali profondi al fine di aiutare le persone a riconoscere e superare tutti quei sintomi e comportamenti auto-sabotanti e invalidanti che impediscono di vivere bene. Mi occupo di: 
  • Disturbi dell'umore 
  • Disturbi d'ansia e attacchi di panico 
  • Disagio relazionale 
  • Depressione 
  • Somatizzazioni 
  • Difficoltà nel gestire le emozioni complesse come la rabbia 


 Dr.ssa Jessica Catalano 

L'orientamento che seguo è di tipo Cognitivo-Comportamentale. L'approccio cognitivo comportamentale rappresenta una delle più diffuse psicoterapie ed oggi assume il ruolo di trattamento psicologico d’elezione per la stragrande maggioranza dei problemi psicopatologici (emotivi e comportamentali), in particolare dei disturbi dell'ansia e dell'umore. 

Tale modello si fonda su di una complessa relazione tra emozioni, pensieri e comportamenti, sottolineando come molti dei nostri problemi (tra i quali quelli emotivi) siano influenzati da ciò che facciamo e soprattutto da ciò che pensiamo. Questo vuol dire che agendo attivamente sui nostri pensieri e sui nostri comportamenti attuali, possiamo liberarci da molti dei problemi che ci affliggono ed interferiscono sulla vita quotidiana. Mi occupo di: 
  • Depressione 
  • Depressione post-partum 
  • Disturbo ossessivo compulsivo 
  • Fobie 
  • Attacchi di panico 
  • Ansia e stress 
  • Disturbo post traumatico da stress 
  • Psicoeducazione

0 commenti:

Posta un commento