Mamma, papà e lo smartphone.



Ciao, sono Marco e ho 10 anni, vivo in una bella città, in una bella casa con mamma e papà; non ho fratellini o sorelline ma in compenso abbiamo tre smartphone.
Grazie a loro non ci sentiamo da soli e possiamo comunicare con chiunque e ovunque in ogni momento. Se lo sai usare puoi avere tutte le risposte ad ogni domanda e sicuramente può aiutarti molto nei compiti. Spesso mi fa ridere perché vedo foto strane di amici che vanno in giro, in vacanza ed un po’ mi fa essere invidioso perché mi piacerebbe fare quelle cose.
Mamma e papà lo usano spesso, e grazie a lui possono lavorare e comunicare con gli amici. Ne hanno davvero tantissimi e spero un giorno di averne anche io così tanti! Sono aggiornati e sanno tutto quello che loro fanno e anche gli altri sanno tutto quello che facciamo noi ma questo però a volte non mi piace. Una mattina, prima di andare a scuola, è capitato che ho fatto arrabbiare la mamma, rovinandole la sua giacca preferita, e arrivati a scuola il mio compagno di banco mi ha preso in giro perché sapeva già che ero in punizione.
A volte, io non vorrei dire tutto ma papà e mamma hanno bisogno di comunicare e sfogarsi. Quel giorno io avrei voluto dirglielo a mamma ma non ho trovato il momento, non c’è stato tempo e ancora non lo sa. Quando mi sento triste e arrabbiato lo uso spesso e chatto con il mio migliore amico, che ho conosciuto online durante una partita. Lui mi capisce e mi aiuta in questi momenti … peccato che non vive nella mia stessa città.
Ma dopo che ho parlato con lui sto bene.
Ritorno a scuola con un bel sorriso e per i miei compagni resto sempre quello tosto. Lo smartphone è utile, bello ma a volte ci irrita perché a tutti e tre da fastidio quando mandiamo un whastapp e vediamo che l’hanno letto ma non rispondono. In quei momenti di attesa però, a pensarci bene, ci ritroviamo e ci rassicuriamo a vicenda pensando ai diversi perché della mancata risposta. A pensarci bene, vorrei che quei momenti non finissero mai.

Questa è una lettera, inventata, forse rappresentante di un caso estremo ma molto realista per alcuni versi. Spesso, parlando con genitori trapelano situazioni simili a quelle vissute dall’immaginario Marco così ho voluto creare uno spunto di riflessione sullo sviluppo dell’ uso dei social e dei telefoni cellulari diverso dal solito. In questo testo sono racchiuse diverse tematiche. Secondo te quali? Scrivi, nel commento, la tua personale riflessione o una possibile lista degli argomenti che secondo te sono individuabili. Anche questo può essere un momento di condivisione che può rivelarsi arricchente per tutti! Grazie .

0 commenti:

Posta un commento